Oh deiezione canina annacquata

che inver molesti gli incauti viandanti

sui marciapiedi di pioggia grondanti,

Malediciam’ti con foga gridata!

       Sì, perchè noi con la scarpa imbrattata

                 sembriamo pochi ma -ahimè!- siamo tanti,

  noi che proviam a procedere avanti

poscia l’averti con doglia pestata.

E se pudico serbiamo lo sguardo

non fia modesto candor virginale

ma sol perché al suol la tua cerca s’avanza.

    E insultiam teco con pari costanza

di can che defeca padron cotale:

     nessuna pietade a quell’infingardo!

Advertisements